Friday, October 30, 2009

Public Library: alla ricerca del Mario Puzo's desk...

15. Mar 2009 at 05:52

Non ho dubbi... il luogo dove, a NY, mi sento maggiormente a mio agio è la Public Library, è un luogo meraviglioso, dove si respira un'atmosfera speciale.

Sentite questa... Appena finito di lavorare, guardo l'orologio e mi rendo conto che ho solo un'ora prima che la Public library chiuda...mi infilo dentro un taxi e corro in questo magnifico luogo, con un obiettivo: vedere il desk dove lavorava lo scrittore Mario Puzo, di cui mi aveva parlato un'amica newyorkese, ci pensavo da giorni, ma per vari impegni non riuscivo mai ad andarci... Chiedo ad un'impiegata in quale piano si trova...e lei mi dice, al terzo piano... ma purtroppo del desk nessuna traccia, così chiedo ad un'altra impiegata e lei con la solita dizione americana stretta, che mi fa pensare: "ma che caspita dice questa... ", mi spiega che è la prima volta che sente parlare del desk e che forse si tratta di una comune scrivania, in una stanza al secondo piano, una di quelle che di solito vengono assegnate agli scrittori. Dopo un giro di parole abbastanza lungo e complesso mi liquida dicendomi che la libreria è stupenda e che forse potrei visitare altre stanze interessanti, io la ringrazio, ovviamente abbastanza delusa, ma mentre sto per andare via mi chiede: where are you from? E io...Italy. Così lei, con un impeccabile italiano mi dice: ma anche io sono italiana!

Vi rendete conto? Mi sono subita un quarto d'ora di discussione in inglese ed era italiana...
Era originaria di Pisa, da parte della madre, ma il padre americano.
Ovviamente la mia prima espressione è stata: ma non potevi dirmi prima che sei italiana? Lei con molta gentilezza mi ha risposto che la mia dizione era ottima e che non pensava fossi italiana... troppo gentile, ma oltre a parlare bene italiano e a fare la volontaria alla Public library, sarebbe stata anche un'ottima attrice :-)

Comunque, alla fine, del desk di Mario Puzo, nessuna traccia. Voi ne sapete qualcosa?

Oggi ho fatto uno stupendo tour per Little Italy, o almeno quello che rimane del quartiere italiano...
sono stata a Nolita ed anche nell'incredibile negozio di Patricia Field, la costumista di Sex and the city ed altri film famosi, è un bazar pazzesco...



Ah dimenticavo, sono anche andata alla Grand central station, quanto mi piace...sembra tutto meno che una stazione!







Xoxo Keep in touch Newyorkers...

No comments:

Post a Comment