Saturday, October 31, 2009

Happy Halloween!!!

"Treat" l'83 percento dei votanti al sondaggio, preferisce lo "scherzetto"...
Gli affetti da Newyorkite sono una comunità di burloni...:-D

Vi auguro Happy Halloween Newyorkers, con questo terrible video...



Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Friday, October 30, 2009

Public Library: alla ricerca del Mario Puzo's desk...

15. Mar 2009 at 05:52

Non ho dubbi... il luogo dove, a NY, mi sento maggiormente a mio agio è la Public Library, è un luogo meraviglioso, dove si respira un'atmosfera speciale.

Sentite questa... Appena finito di lavorare, guardo l'orologio e mi rendo conto che ho solo un'ora prima che la Public library chiuda...mi infilo dentro un taxi e corro in questo magnifico luogo, con un obiettivo: vedere il desk dove lavorava lo scrittore Mario Puzo, di cui mi aveva parlato un'amica newyorkese, ci pensavo da giorni, ma per vari impegni non riuscivo mai ad andarci... Chiedo ad un'impiegata in quale piano si trova...e lei mi dice, al terzo piano... ma purtroppo del desk nessuna traccia, così chiedo ad un'altra impiegata e lei con la solita dizione americana stretta, che mi fa pensare: "ma che caspita dice questa... ", mi spiega che è la prima volta che sente parlare del desk e che forse si tratta di una comune scrivania, in una stanza al secondo piano, una di quelle che di solito vengono assegnate agli scrittori. Dopo un giro di parole abbastanza lungo e complesso mi liquida dicendomi che la libreria è stupenda e che forse potrei visitare altre stanze interessanti, io la ringrazio, ovviamente abbastanza delusa, ma mentre sto per andare via mi chiede: where are you from? E io...Italy. Così lei, con un impeccabile italiano mi dice: ma anche io sono italiana!

Vi rendete conto? Mi sono subita un quarto d'ora di discussione in inglese ed era italiana...
Era originaria di Pisa, da parte della madre, ma il padre americano.
Ovviamente la mia prima espressione è stata: ma non potevi dirmi prima che sei italiana? Lei con molta gentilezza mi ha risposto che la mia dizione era ottima e che non pensava fossi italiana... troppo gentile, ma oltre a parlare bene italiano e a fare la volontaria alla Public library, sarebbe stata anche un'ottima attrice :-)

Comunque, alla fine, del desk di Mario Puzo, nessuna traccia. Voi ne sapete qualcosa?

Oggi ho fatto uno stupendo tour per Little Italy, o almeno quello che rimane del quartiere italiano...
sono stata a Nolita ed anche nell'incredibile negozio di Patricia Field, la costumista di Sex and the city ed altri film famosi, è un bazar pazzesco...



Ah dimenticavo, sono anche andata alla Grand central station, quanto mi piace...sembra tutto meno che una stazione!







Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Thursday, October 29, 2009

Quel pomeriggio a Central Park...

13. Mar 2009 at 06:34

Io e il mio Micky, per chi non lo sapesse è il mio maltesino...in un fantastico giro per i laghi di Central Park...
Abbiamo preso un taxi che ci ha portati verso la 106 street, il tassista, anche se dall'aspetto impressionante ci ha dato degli ottimi consigli, ci ha fermamente sconsigliato di percorrere alcune strade di Central park perchè, secondo lui, alcuni viottoli, sono pericolosi, quindi su suo suggerimento, siamo scesi a vedere il Charles A Dana Discovery center e il lago Harlem Meer, a north di Central Park, esattamente all'estremità del parco vicino al Duke Ellington circle, abbiamo percorso l'estremità east del lago fino ad arrivare al Conservatory Garden, una vera oasi di pace, un meraviglioso giardino, sistemato in stile europeo.
Dopo, abbiamo visto il grande lago il Jacqueline Kennedy e successivamente, sempre su consiglio del vecchio tassista, siamo usciti dal parco per rientrare sulla 72, vicino a questa strada, sempre ad east, abbiamo visto il piccolo lago artificiale Conservatory water (deludente) e The Lake dove si trova il famoso ristorante The boathouse, quest'ultimo è interessante, ma purtroppo, non c'era nessuno che andava in barca ed il ristorante era chiuso. Erano le 5 del pomeriggio e forse prima, in un orario migliore, è possibile vedere qualcuno che rende il lago più interessante.


Lasciando alle nostre spalle il The lake siamo andati verso la piazza Bethesda terrace and fountain e salita la grande scalinata abbiamo abbandonato Central park, quando ormai il sole stava per tramontare, lasciandoci per ricordo solo pochi raggi che filtravano attraverso i meravigliosi olmi americani.

E' stato un bel pomeriggio a Central Park...


ps. non ridete...dopo diversi giorni, forse per via del mio lavoro che mi permette orari abbastanza flessibili, solo ora, mi sono accorta che l'orario in America è cambiato...e dovevo spostare le lancette dell'orologio un'ora avanti... per fortuna un mio amico, dopo averlo fatto aspettare per un'ora a cena, me lo ha fatto notare...io pensavo stesse scherzando, ma purtroppo non scherzava . Che figura!!!

Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Wednesday, October 28, 2009

Trick or treat???

Hey Newyorkers..!

What do you prefer? TRICK OR TREAT...

- 3 DAYS






(Lancio il sondaggio in basso a destra ;-) )

Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Mary's Newyorkite style...

Cari amici,
molti di voi conoscono lo spirito con cui ho aperto questo blog, ma ad alcuni non ho avuto ancora modo di spiegarlo, anche se, visti i commenti, mi sembra che siano entrati in perfetta sintonia con lo stile del blog :-)

Volevo creare uno spazio intimo tra amici affetti da Newyorkite acuta...:-) Esistono tanti siti dove poter parlare della Grande Mela, come il forum che spesso frequentiamo e che unisce molti di noi, ma credo mancasse l'angolo info-sogno, ovvero uno spazio, dove oltre ad informare i lettori, si offre la giusta quantità di sogno, indispensabile in quelle giornate in cui la malinconia bussa alla porta e vorremmo saltare su quell'aereo, per solcare l'oceano, in direzione JfK, incontrare l'omino dell'immigration, dargli tutta la documentazione in nostro possesso e pregarlo di farci respirare l'aria newyorkese prima possibile...:-)

In questo blog, vi chiamerò sempre Newyorkers...perchè non ci sono dubbi, siete newyorkesi inside, molti conoscono la Grande Mela meglio della propria città ed altri, pur non avendola mai vista, hanno studiato ogni angolo di ogni cartina e di ogni guida disponibile sul mercato, ogni telefilm con la Grande Mela come sfondo, mentre altri ancora, non l'hanno mai visitata, ma dopo qualche mese su questo blog, non avranno scampo...e sia per le tariffe aeree convenienti che, soprattutto, per i nostri tormentoni e le nostre descrizioni, non vedranno l'ora di salire su quell'aereo per lasciarsi prendere dalla newyorkite...:-)

Chiuderò ogni mio intervento con una frase: Xoxo Keep in touch Newyorkers... Baci e abbracci, teniamoci in contatto newyorkesi...
Mi piacerebbe, come alcuni già fanno, che anche voi faceste vostra una frase di chiusura da poter usare come segno distintivo in ogni vostro intervento.

Non appena avrò concluso con i vecchi racconti, darò spazio alle novità...aspetto idee e suggerimenti...se volete inviare del materiale, scrivetemi:marygiuffre@libero.it.

Mi conoscete, sapete qual è lo spirito che mi contraddistingue, sono una Sex and the city girls ed adoro i tv movies dove la protagonista è New York e proprio da questi prenderò spunto per i miei racconti. Saranno leggeri, frivoli, divertenti, buffi e con un giusto mix di informazioni ed humour... Spero di riuscire nel mio intento e dato che ora conoscete le mie intenzioni, se dovessi uscire dalla retta via, rimettetemi sulla giusta strada...

Buon divertimento Newyorkers e benvenuti nella Mary's Newyorkite...una finestrella sulla Grande Mela...

Fino ad ora ci siamo riscaldati...ma adesso facciamo sul serio...:-)

Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Tuesday, October 27, 2009

48 ore a New York...

04. Mar 2009 at 05:12

Ehi ragazzi! ho l'impressione di avervi trascurati un pò...:-)

Tra poco sarà un mese che sono a New York e devo proprio farvi una confidenza...il mio amore per la Grande Mela, non è diminuito minimamente. Adoro questa città, adoro quando nevica, quando c'è il sole, quando c'è freddo e anche quando c'è il vento che porta un meraviglioso profumo d'oceano...

Qui le giornate non sembrano essere di 24 ore, ma almeno di 48. Tutto è così frenetico ed ogni minuto della giornata è davvero così importante. Non voglio perdermi neanche un istante della giornata, mi sveglio ogni mattina prestissimo e vado a ninna molto tardi. Mi piace vedere le persone che corrono in ufficio la mattina presto, adoro vedere i newyorkesi che stringono il loro caffè caldo per la strada, mi diverte vedere le ragazze che la sera attraversano le vie cittadine con i loro tacchi alti, a volte abbinati ad un cappello di lana, che sfidano il freddo per andare al cinema o a volte solo per brindare con le amiche.

Spesso la gente mi sorride per la strada ed io mi chiedo: ho l'aria buffa o mi sorridono solo perchè sono straniera?
In realtà credo che lo facciano, perchè i newyorkesi, in fondo, dietro il loro aspetto da super impegnati, sono delle persone cordiali :-)

Per le ragazze del forum: ho scoperto che gli uomini newyorkesi sono dei gran rimorchioni ci provano al supermercato, ci provano per la strada, ci provano in farmacia e poi dicono che gli italiani sono dei provoloni allucinante, non hanno contegno :-D


Sapete cosa penso in questo momento? Che questa è proprio la CITTA' CHE NON DORME MAI...quì è sprecato anche andare a dormire, forse vi sarà capitato, qualche volta, di avere la sensazione di sprecare minuti preziosi della vita... bè qui in realtà i minuti sono preziosi e si ha l'impressione di viverli intensamente

Newyorkers...non smettete mai di amare la Grande Mela, perchè è una città stupenda, piena di sorprese!!!

Spero di non avervi annoiati...

Baci dalla città che ha stregato tutti noi: NEW YORK!!!

Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Monday, October 26, 2009

New York in rosa...per sole donne...

22. Feb 2009 at 06:40

Da un paio di giorni mi ritrovo a passeggiare per la Lexington...oggi in realtà più che passeggiare, ero alla ricerca di un negozio per fare le fotocopie e mi sono ritrovata dentro un fedeEx office, dove mi hanno dato una card, che ho ricaricato dentro una macchinetta self service ed ho fatto le fotocopie da sola, non solo mi sono costate un botto, ma son venute anche una schifezza.

Ma torno da dove ero partita...allora sulla Lexington da un paio di giorni vedo decine di ragazzine passeggiare con queste adorabili shopping bags rosa, e da dentro la busta, esce una vaporosa carta velina, sempre rigorosamente rosa. Dopo giorni che le osservo incuriosita, finalmente mi fermo a leggere il logo "Victoria's Secret", così come molte banali donne attratte dal rosa e terribilmente curiose, mi metto alla ricerca dello store... Ed eccomi davanti al mega negozio di Victoria's Secret con la sua cornice luminosa, rosa.

Entro e davanti ai miei occhi si presenta l'inimmaginabile, decine e decine di completini intimi e di profumi, creme e quant'altro con la scritta SO SEXY, a questo punto sono tre le domande che mi girano per la testa:

1. Gli stilisti di simili diavolerie sono gay? (non ho nulla contro i gay, è solo che solo loro possono essere gli artefici di tanta creatività).

2. Quale donna non stenderebbe un uomo, indossando un completino So sexy?

3. Ma veramente le donne indossano biancheria intima così imbarazzante ?

Non che io sia pudica, ma credo che per indossare cose del genere ci voglia tanta autostima...:-)


Il mio tour per la Lexington continua da Bloomingdale's

Ripeto...sono una delle banali donne attratte dal rosa e ci sono tre cose che inquanto donna, mi fanno perdere la testa: Sex and the city, Manolo Blahnik e Barbie, si avete capito bene proprio la famosa bambola.



Da Bloomingdale's c'è un piano dedicato a Barbie, bambole manichino che indossano abiti di Armani, borse, e Barbie da collezione, tipo supergirl, catwoman, wonderwoman, ecc... Insomma una vera meraviglia!!! Da non credere... Non potendole comprare tutte, perchè non saprei dove metterle, ho pensato di fotografarle, sotto lo sguardo incuriosito dei passanti che mi avranno presa per matta...












P.s. dato che sono certa che gli uomini si saranno intrufolati nella lettura del racconto... Avete fatto bene, anche perchè sarà difficile che in futuro io riesca a fare un racconto solo per uomini...:-)


Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Sunday, October 25, 2009

La mia finestra sul mondo a mattoncini rossi...

19. Feb 2009 at 04:40
Sono qui nell'Upper East Side...cosa vedono i miei occhi?

Dalla finestra del mio one bedroom vedo la gente che vive nel palazzo di mattoncini rossi. Non ho ancora individuato chi ho davanti a me, li osservo poco, perchè non ho molto tempo, ma è bello sapere che ho davanti a me la vita newyokese. Certo la visuale è cambiata, non è più quella del NY Palace, con la cattedrale di St. Patrick e la Fifth Avenue, bella certo, ma che non rappresenta effettivamente la vita di tutti i giorni, ora sono in un quartiere, uno dei più belli di New York, dove ogni giorno incontri il vicino col cane o la signora che va a prendere il caffé.

Nel mio nuovo quartiere comincio ad individuare i miei luoghi di fiducia Oggi sono andata a fare la prima spesa di casa...quando si dice manca dall'acqua fino al sale è proprio così...il mio carrello della spesa era colmo di qualunque cosa, indispensabile per la vita in una nuova casa. Ragazzi, ma quanto è difficile fare la spesa in America? Anche comprare un semplice detersivo è complicato, quando davanti a te c'è di tutto e di più. Vicino casa ho un fantastico Hot e crusty, dove fare il breakfast la mattina, con dei dolci buonissimi.

Ho appena finito di trafficare con il televisore non riesco ad accenderlo...perchè qui, tutto è così diverso... vi dico che sul tavolo abbiamo circa 5 telecomandi a Roma ne ho tanti, ma qui il sistema è diverso ed anche le cose più semplici sembrano complicate...

Finalmente ho individuato anche il negozio per comprare la pappa a Micky ed ho fatto la spesa da Food emporium nella 63 rd street sulla terza strada. Ad un certo punto, dopo aver preso tutto quello che mi serviva, mi sono resa conto che il carrello della spesa, era esageratamente pieno: pasta e sugo italiani, vino merlot, ecc... ma come farò a portare tutto a casa? E poi con queste buste minuscole che ti danno al supermercato? E' solo un blocco, un isolato, ma sembrerà un'eternità...ma ecco che in mio soccorso arriva un angelo nero che con il carrello mi porta tutta la spesa a casa.

Stamattina sono andata in palestra...sì proprio così, perchè nel contratto del mio building ho a disposizione anche la palestra, proprio come i contratti d'affitto italiani eh... esco dalla Crunch, la palestra appunto, ed indovinate cosa ho davanti ai miei occhi? Una bella nevicata... Questi neworkesi non li ferma proprio nessuno...sotto la nevicata, senza ombrello, come se niente fosse...continuano a mangiare la pizza...that's America!!!




L'altro giorno nel west village, al biography bookshop, mi hanno fatto un bellissimo complimento... la signora anziana della libreria mi ha detto che dal mio accento pensava fossi newyorkese e non italiana incredibile no?
Vi posso fare una confidenza? Roma non mi manca per niente... :-)













Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Happy Valentine Rockfeller!!!



14. Feb 2009 at 17:05

Happy Valentine a tutti!

Incredibile stamattina ho fatto colazione da Magnolia Bakery, quello sulla sesta strada e passando davanti alla pista di pattinaggio del Rockfeller c'era un tizio vestito da cupido che pattinava...con tanto di arco e frecce!!! Questa è New York!!!

15. Feb 2009 at 17:03

Certo è proprio vero...per gli americani ogni scusa è buona per festeggiare... Ieri sera per San Valentino i locali erano pienissimi. Tutte queste ragazze in giro per le strade, molte con la classica rosa in mano con tacchi ed abiti eleganti. Fantastico! Una cosa mi incuriosisce... ma come fanno molte di loro, con questo freddo, ad andare in giro in minigonna, senza calze e con i sandali?

Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Dai grattacieli di Manhattan ai fantasmi del New Jersey


12. Feb 2009 at 16:41
Le dolci note del piano bar mi coccolano, tra i divani di velluto rosso e gli splendidi lampadari gioiello del The New York Palace... Eh sì in questo momento mi sto proprio rilassando..!

Oggi è stata una giornata un pò nuvolosa e con forti raffiche di vento, non vi dico come si sentiva il forte soffio del vento, dalla finestra della mia stanza, al trentaseiesmo piano. Incredibile, ma pur essendo nata in una città ventosa come Messina, odio il vento e non riesco ad abituarmi alla sua forza, ma la cosa che mi stupisce...è che a New York anche il vento sembra avere un suono diverso...quasi piacevole...

Come al solito colazione presto, ho scoperto un posto che non avevo mai provato prima, Pret a mangèr, il caffè è migliore quello di Starbucks e fanno degli ottimi croissant alle mandorle per non parlare dei bagels, ecc...

Continua la mia ricerca della casa, non vi nascondo che ne avevo trovata una interessantissima a Soho, ma non l'ho presa perchè si trovava in uno di quei classici building da tre piani, molto vecchio, con la scala antincendio accanto alla finestra, malgrado fosse assolutamente conveniente, non mi ispirava fiducia.

Oggi sono stata in New Jersey, ho preso il pullman a Port Autority, in 45 minuti si raggiunge il vicino New Jersey, ma li c'era ancora più freddo rispetto a Manhattan e ai bordi della strada c'era anche il ghiaccio. Il paesaggio era tristissimo, per le strade non c'era nessuno, ho camminato a lungo da sola, sembrava di attraversare un paese artificiale, non si sentiva nemmeno un rumore venir fuori dalle abitazioni e sembrava tutto disabitato. Insomma, se non avete prorpio qualcosa da fare, vi sconsiglio vivamente di andarci. Sul pullman c'erano solo cinesi, messicani e qualche svitato...
Per il resto devo dire che il collegamento da Port autority è comodo e ci sono pullman che partono continuamente, le linee sono la 11a e la 11c (se vi dovesse servire...)



A Times Square ho scoperto un ristorantino niente male con del personale simpaticissimo è Oliva Garden, si mangia discretamente ed è italiano.

Andare in giro con Micky è diventato impossibile...ogni due passi c'è una signora che se lo vuole spupazzare... So cute! So cute! So cute!

Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Tra le braccia di Manhattan...


10. Feb 2009 at 14:36

Smaltita la fatica del viaggio e lo sconcerto per la crisi economica... eccomi nuovamente qui, per la continuazione del racconto...

Ieri a Manhattan è stata una meraviglosa giornata, calda e piena di sole, tanto che ho approfittato subito del bel tempo per portare il piccolo Micky a conoscere Central park, intuile dirvi quanto abbia apprezzato il parco...

Ho girato tutto il giorno per la città per vedere appartamenti e devo dire che in effetti qualcosa di carino sono riuscita a trovare e anche a prezzi discreti, ma purtroppo i brookers immobiliari chiedono delle tariffe assurde.

Proprio ieri sera, mentre mi avviavo verso Times Square, ho assistito ad una delle scene di paura che spesso si vedono nei film

A due passi dal mio hotel sulla Madison si è incendiato un palazzo.
Almeno cinquanta camion dei pompieri hanno invaso tutta la strada, polizia, ambulanze, elicotteri...all'inizio, dato che non vedevo le fiamme ho pensato "staranno esagerando, sarà solo un fuocherello", ma altro che...era proprio un incendio grande che ha colpito un palazzo tra la Fifth e la Madison. Comunque, tutto bene quel che finisce bene, sono riusciti a spegnerlo, lavorando per tante ore.

Oggi, nuova giornata in giro per questa splendida città. Ho ancora l'effetto del fuso orario, quindi mi alzo all'alba, ma anche questo hai suoi lati positivi, infatti così mi godo la giornata dalle prime luci e non sono la sola...mentre vi scrivo dalla lobby dell'hotel, accanto a me, è pieno di persone, infatti l'hotel è pieno dalla mattina alla sera, un pò per via della settimana della moda che inizierà il 14, ma anche per l'infinità di congressi che riempiono la City, tra i vari appuntamenti...uno in particolare ci colpisce, anzi incuriosisce più Micky che me...si tratta di una importante mostra canina, "Wenstmister's Show" tutti ci fermano per strada convinti che lui sia uno dei partecipanti... per un vanitoso come lui, questa è musica per le sue orecchie da maltesino

Bene ragazzi, dopo avervi annoiato con le mie chiacchiere, vi saluto e vado a fare colazione nel mitico Starbucks!

Spero di potervi aggiornare presto, e se avete qualcosa da chiedermi sulla Grande Mela, io sono qui, non esitate...

Xoxo Keep in touch Newyorkers...

Saturday, October 24, 2009

Il mio viaggio dentro la Grande mela...


Il mio viaggio nella City
09. Feb 2009 at 14:25

Ragazziiiiiiii sono a NEW YOOOOOOOORK!!!!!!

Dopo tanto sono finalmete arrivata, eccomi nella Grande Mela!!!!
Inizierei subito dalle mie senzazioni. La prima cosa che mi colpisce al mio arrivo a New York è proprio la crisi. Voi penserete: "Ma che banalità"! Eppure è proprio così Ma datemi tempo e arriverò al motivo...
Dopo 5 ore di attesa all'aereoporto di Fiumicino, per due voli cancellati, prima quello delle 9.55 e dopo quello delle 11.45 e con successivo imbarco alle 15.00, insieme a tutti i passeggeri di quattro voli, 2 alitalia, uno Delta e uno Europe fly, tutti su un unico aeromobile, finalmente saliamo sulla "Lambretta del cielo", eh sì perchè solo così questo volo si poteva definire, un vecchio aereo Alitalia, dove tutti stretti come le sardine e senza posto neanche per i bagagli a mano, ci siamo avventurati sull'oceano. Insomma un viaggio pessimo e interminabile!

Finalmente, stremata e stanca, io e Micky (il mio maltesino) mettiamo piede nella terra di nessuno...ovvero all'immigration e davanti a noi si aprono 10 interminabili serpentoni di persone in coda. Comunque, passiamo l'immigration senza problemi e senza troppi controlli, addirittura dopo aver preparato una documentazione scrupolosa per il mio cucciolo, hanno dato a malapena una furtiva occhiata al suo foglio di espatrio, ma nulla di più. Quindi tutto bene!

Bè devo dire che dopo tanta fatica, all'uscita dall'aeroporto, al primo respiro di frizzante aria newyorkese, ho pensato: che bello sono arrivata nella mia NEW YORK!!! (E va bene va bene, non vi arrabbiate , intendevo dire nella nostra New York...).
La macchina ci ha presi all'aeroporto e ci ha condotti sulla Madison Al The New York Palace, un albergo strepitoso che consiglio vivamente a tutti. E' a dir poco, stupendo. All'intero si respira un'aria magica, e la stanza ha la vista sulla cattedrale di St. Patrick, un fitness center grandissimo dove è possibile fare il tapis roulant, guardando appunto la cattedrale. Il personale è gentilissimo e credetemi vale proprio la pena godersi questa meravigliosa perla della Madison Avenue...


Malgrado la stanchezza per il viaggio, il fuso e tutto il resto, non possiamo resistere alla voglia di correre tra le luci di Times Square ed eccoci trepidanti ad attraversare i pochi blocchi che ci dividono da uno dei migliori posti del mondo. E' qui arriva il punto... in cui ho avvertito la crisi. Proprio a Times Square, vi dico che erano le 10 pm di domenica sera e per la strada c'erano pochissime persone rispetto al solito, al Mc Donald in totale ci saranno stati 10 tavoli pieni e una scarsa fila alle casse. Incredibile no?
Il mio maltesino sembra aver vissuto in un'altra vita, in America. Si incanta davanti alle finestre a guardare i grattacieli e scorrazza per la strada, ovviamente con il guinzaglio, senza alcun timore

Stamattina sveglia all'alba e dopo avervi raccontato qualcosina della mia piccola esperienza, vado ad affrontare la mia giornata Newyorkese!

Ragazzi, vi faccio una confidenza...crisi o non crisi venire a New York vale sempre la pena!!!

Xoxo Keep in touch Newyorkers...